Farmacie online: già 6mila chiuse nel 2017. In 7 su 10 comprano “Viagra”

Dal viagra agli anoressizzanti, dagli anabolizzanti agli integratori alimentari. Sono già 6mila le farmacie illegali chiuse sul web nei primi mesi del 2017 e oltre 20mila quelle bloccate nel 2016. La fotografia sul fenomeno della vendita online di farmaci falsi è stata scattata ieri, a Roma, da Federfarma Servizi, in collaborazione con la Società Italiana di Urologia (Siu).

Un fenomeno in cui sono soprattutto gli uomini italiani a navigare senza bussola. Perchètra tutti i prodotti, i più venduti – quasi 7 su 10 – sono “pillole dell’amore”. Ovvero, farmaci contro la disfunzione erettile. Cui seguono anabolizzanti e farmaci anticancro (sempre per tumori tipici di patologie maschili).

«È soprattutto una questione culturale – osserva Vincenzo Mirone, segretario Siu – che nasce, in parte, dagli imbarazzi dei pazienti nel parlare al medico delle difficoltà e di eventuali disturbi e sintomi legati alla sfera dell’andrologia e della sessuologia. Poi ci sono certamente i costi minori di questi prodotti. Infatti, appena 1 su 10 contiene il principio attivo in dose adeguata, alcuni ne hanno il doppio e il 25% non ne contiene affatto. E i rischi sono enormi».
I prodotti acquistati sul web, aggiunge Mirone, «possono contenere tracce di altri principi attivi che mettono a repentaglio la salute, come gli ipoglicemizzanti. Inoltre nell’8,5% si trovano impurità pericolose, dall’arsenico al veleno per topi, dall’acido borico alle polveri di cemento». Infine, c’è il rischio che i primi segnali di una patologia cardiovascolare o tumorale curata con farmaci inadeguati, se non dannosi, in completo “fai da te”, possa peggiorare le condizioni. «Questi siti – spiega Antonello Mirone, presidente di Federfarma Servizi – si moltiplicano, sfuggono ai controlli e si nascondono fra le maglie della rete. Inoltre, l’uso dei social come canale di promozione sta aumentando soprattutto per la diffusione illegale di farmaci innovativi ad alto costo».

Nel 2016, nell’operazione “Pangea” IX sono state sequestrate, in 103 Paesi, 12 milioni di unità di farmaci illegali o contraffatte, di cui circa 80mila in Italia.

L’indagine Aifa-Università La Sapienza 
Ma ieri a Roma è stata anche presentata un’indagine condotta dall’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) e l’Università “La Sapienza” di Roma su un campione di mille internauti, dalla quale emerge che oltre il 41% degli intervistati valuta positivamente l’acquisto di farmaci online. Inoltre, il 43,4% ritiene il web
una fonte molto sicura cui rivolgersi per comprare medicinali. E questo a prescindere dal fatto che sul sito web vi sia o meno il “bollino di qualità” del ministero della Salute, creato per identificare la farmacie autorizzate alla vendita di medicinali online, ma ancora poco conosciuto.

«È impossibile – sottolinea Domenico Di Giorgio, direttore Ufficio Qualità Prodotti dell’Aifa – certificare la qualità dei farmaci venduti da siti web non autorizzati, poiché non è possibile stabilire da dove provengano, come siano stati fabbricati e cosa contengano. Le analisi su alcuni farmaci sequestrati hanno rilevato, ad esempio, la presenza di gesso e vernice stradale».

Il sistema «Fakeshare» 
Di qui il progetto di Federfarma Servizi e Siu “Pillole Fakeshare”, che si inserisce nella campagna europea Fakeshare per il contrasto della vendita illegale di farmaci. Online dal 2015 l’interfaccia pubblica di “Fakeshare” è la piattaforma web coordinata dall’Aifa e cofinanziata dalla Commissione Europea (con oltre 350mila euro) per contrastare il commercio illegale di farmaci su Internet. 
L’intento è stato quello di coordinare e ottimizzare, attraverso i sistemi di information technology, le iniziative di contrasto portate avanti dai singoli Paesi, arrivando a una gestione condivisa degli interventi di monitoraggio sulle farmacie web, per fare da supporto alle forze di polizia nelle attività di blocco e oscuramento dei siti illeciti. 
Il progetto Fakeshare ha permesso di creare un repertorio di best practices a disposizione di tutti i soggetti che si dedicano alle attività di intelligence e contrasto della contraffazione nei diversi Paesi europei.
I farmaci contraffatti – provenienti prevalentemente da Giappone, Cina, India, Messico e Taiwan – rappresentano, a livello mondiale, circa il 10% del totale prodotto e riguardano sia i generici che quelli di marca.

cialis | Lunedì 19 Giugno 2017 - 5:12 pm | | Predefinito
Tag usati: , ,

IL FRANCOBOLLO DELL’AMORE: LA NUOVA FRONTIERA DELL’ ‘AIUTINO’ POST-VIAGRA

In principio fu il Viagra, ma tra la somministrazione e l’efficacia bisognava aspettare circa un’ora. Ora, se volete accelerare i tempi, arriva il francobollo dell’amore.

Si tratta di un cerotto da scogliere in bocca circa 15 minuti prima dell’appuntamento galante. Il farmaco non richiede l’utilizzo di acqua, non serve essere a digiuno per ingerirlo ed è più “discreto” da tenere in tasca.

La notizia è stata da commentata da Luciana Littizzetto e Vic nell’ultima puntata del programma La Bomba.

cialis | Martedì 30 Maggio 2017 - 4:05 pm | | Predefinito

Baby boom in Islanda: meglio il calcio del viagra

A distanza di 9 mesi da quel 2-1 di Francia – Islanda, record storico di epidurali: il legame è ovvio…

Che il sesso potesse avere qualche legame con il calcio già lo si immaginava. Ma che addirittura potesse incrementare in questa maniera il tasso di nuove nascite ha dell’incredibile. Succede esattamente in Islanda, dove si sta assistendo ad un baby boom da record. Tante, troppe nascite, da record. Il legame con il calcio è semplice: nove mesi fa, infatti, la Nazionale di questo Paese ha compiuto una storica impresa, umiliando quella inglese.

Baby boom in Islanda. Erano gli Europei di calcio in Francia, ricordate?

Furono Sigurdsson e Sigthorsson a ribaltare il vantaggio iniziale di Rooney su rigore, per il finale 2-1 che proiettò la squadra allora allenata da Lars Lagerback verso la storia. Ebbene, a quanto pare i festeggiamenti si sono spostati dagli stadi alle piazze, per poi proseguire nelle proprie abitazioni. A letto, tra le lenzuola. In compagnia. Ovviamente.

Era il 26 giugno 2016 quando la formazione dell’Islanda sconfisse a Nizza gli ex campioni del mondo, eliminandoli dal torneo. Qualche quotidiano internazionale intitolò l’episodio come “la Brexit del calcio”. A nove mesi esatti rivela la notizia in un tweet il dottor Asgein Petur, il messaggio finisce sul giornale Visir e viene ripreso ovunque. E’ stato infatti somministrato ai pazienti degli ospedali del Paese il numero più alto della storia di epidurali, l’anestesia spinale che viene utilizzata durante i parti. E quindi di nascite. Quasi meglio del viagra, insomma.

cialis | Giovedì 04 Maggio 2017 - 7:41 pm | | Predefinito

Generici: ecco il nuovo elenco di brevetti scaduti

Farmaci generici, gli elenchi dei brevetti prossimi alla scandenza

2017

ROSUVASTATINA (Crestor)
RUPATADINA (Pafinur)
OLMESARTAN(Olmetec)
DUTASTERIDE (Avodart/Duagen)
TADALAFIL (Cialis)

BIMATOPROST
CASPOFUNGIN
BOSENTAN
ERTAPENEM
TRAMADOLO + PARACETAMOLO
ETORICOXIB  (Algix/Arcoxia)
TIGECICLINA
PEGFILGRASTIM (Neulasta)*
ABATACEPT (Orencia)

OLOPATADINA
VALGANCICLOVIR

2018

EVEROLIMUS (Certican)
ADALIMUMAB (Humira)
EZETIMIBE (Ezetrol)

SILODOSOSINA
EFAVIRENZ/EMTRICITABINA/TENOFOVIR
APREPIPANT
SOLIFENACINA

2019

ATAZANAVIR (Reyataz)
BORTEZOMIB (Velcade)
ABACAVIR/LAMIVUDINA (Kivexa)

POSACONAZOLO
GEFITINIB
CINACALCET CLORIDRATO
TALIDOMIDE
FOSAMPRENAVIR SALE DI CALCIO
VINFLUNINA

cialis | Mercoledì 19 Aprile 2017 - 6:08 pm | | Predefinito

Viagra e Cialis: consumo record di farmaci, 19 milioni gli italiani che li usano

È boom in Europa del fai da te per le pillole dell’amore al maschile contro la disfunzione erettile: oltre 100 milioni sono infatti quelle vendute nel 2016 senza ricetta nei canali non ufficiali e persino nei sexy shop, di cui circa 19 milioni in Italia. Lo dimostra lo studio internazionale Erectile Dysfunction European Users Survey coordinato da Emmanuele A. Jannini dell’Università di Roma Tor Vergata, presentato al Congresso della European Association of Urology (Eau) in corso a Londra.

“Necessario un utilizzo più responsabile”

I dati della prima indagine europea sull’utilizzo dei farmaci contro la disfunzione erettile raccolti su circa 1000 uomini di 7 Paesi, fra cui l’Italia, dimostrano dunque, avvertono gli urologi, come sia necessario un utilizzo “più consapevole e responsabile” di tali medicinali, contro una dilagante tendenza al “fai da te”. I numeri, rileva l’indagine, lo dimostrano: oltre 100 milioni le pillole vendute senza ricetta, online o attraverso canali diversi dalla farmacia; di queste, circa 3 milioni e mezzo sono vendute nei sexy shop di cui oltre 600 mila in Italia. Poco più di 70 milioni sono invece le pillole dell’amore vendute dopo diagnosi e prescrizione medica.

In Europa 180 milioni di pillole

Complessivamente, circa 180 milioni sono le pillole contro la disfunzione erettile vendute nel 2016 di cui 33,6 milioni in Italia. Quanto al disturbo, sono oltre 30 milioni gli europei con disfunzione erettile, di cui 3 milioni italiani. Ma solo il 40% di chi utilizza i farmaci per la disfunzione erettile, avvertono gli urologi, ha avuto una diagnosi: la maggioranza li sceglie per avere performance sessuali migliori o perché sa di avere un problema ma non ha mai avuto il coraggio di parlarne al medico.

Diffuso tra i più giovani

I “performer” sono in media più giovani rispetto ai pazienti con diagnosi e più spesso acquistano i farmaci anche sul web e perfino nei sexy shop; anche per questo sono più insoddisfatti dell’uso delle pillole dell’amore, che risultano meno efficaci perché non inserite in un corretto piano terapeutico. Dallo studio emerge invece che i farmaci di seconda generazione, come avanafil, sono meno spesso coinvolti nel ‘fai da te’ e più spesso prescritti dal medico dopo la diagnosi. Chi dichiara l’uso di questi medicinali rappresenta tuttavia la punta di un iceberg: la disfunzione erettile, affermano gli esperti, “è tuttora un problema sotto-diagnosticato e scarsamente trattato”.

cialis | Giovedì 13 Aprile 2017 - 4:07 pm | | Predefinito

Studi Unitus, il Viagra protegge e aiuta il cuore

La pillola blu, il futuro della cura delle malattie cardiache

Recenti studi di Metabolomica effettuatti alla Tuscia rivelano che il viagra: ''non solo, ma protegge il cuore''.

Il sildenafil, nota anche come pillola blu, sviluppata per chi ha problemi in camera da letto, pare abbia effetti oltre sulla sfera sessuali anche sul cuore. Diversi studi lo vedono già come trattamento alle malattie cardiache. Nei farmaci comunemente utilizzati per trattare la disfunzione erettile, l’ingrediente principale è un principio attivo chiamato inibitore della Fosfodiesterasi-5 (PDE5i), che impedisce il rilassamento del tessuto muscolare liscio. L'inibizione della stessa PDE5 nel cuore ha indotto a indagare ed a svolgere ricerche sulle sue potenzialità nel trattare condizioni non urologiche.

Già diversi studi clinici hanno evidenziato che il Viagra può essere utilizzato come trattamento sicuro per le malattie cardiache e che possa essere somministrato a uomini che soffrono di ispessimento del muscolo cardiaco e di insufficienza cardiaca in stadio precoce. A tale riguardo, presso il laboratorio di Metabolomica dell’ateneo della Tuscia sono statI condotti, in collaborazione con l’istituto di Endocrinologia dell'università della Sapienza, studi su cellule HL1 per comprenderne meglio i meccanismi molecolari che stanno alla base di queste affermazioni e dei possibili effetti benefici del viagra sul cuore.

I risultati sono recentemente pubblicati su una prestigiosa rivista americana ''Biochemical Pharmacology'' da F. Gevi, F. Campolo, F. Naro e L. Zolla ''The cardioprotective effect of sildenafil is mediated by the activation of malate dehydrogenase and an increase in the malate-aspartate shuttle in cardiomyocytes''. I risultati dell'analisi hanno mostrato che il trattamento di cellule miocardiche e cuori di pollo con il Sildenafil induce l’attivazione di un enzima chiamato malato deidrogenasi il quale a sua volta è coinvolto in un meccanismo di trasporto (shuttle) di due importanti metaboliti l'aspartato ed il malato. L’attivazione di tale shuttle permette al cuore di utilizzare al meglio l’energia liberata dal glucosio in soggetti ischemici o comunque in un cuore in condizioni di carenza di ossigeno, come un cuore sotto sforzo.

Lo studio è stato possibile effettuarlo grazie alla presenza nel laboratorio del professor Lello Zolla, ordinario di Biologia molecolare presso l’Università degli studi della Tuscia, di strumenti altamente sofisticati spettrometri di massa che sono in grado di identificare ciascuna piccola molecola, come i metaboliti, all'interno delle cellule e di misurarne la concentrazione relativa. Le analisi hanno permesso di rivelare l’aumento di certi metaboliti dopo trattamento e quindi l’ipotesi di una attivazione dello shuttle. Aver capito il meccanismo molecolare del sildenafil apre prospettive nel settore farmaceutico su un suo utilizzo clinico. Questo ulteriore effetto del viagra ''solleva anche il povero pensionato a non vergognarsi in farmacia a richiedere una pillola blu, oltre a non fargli fare una brutta figura all’uso, aiutandogli il cuore a sforzi eccessivi da asfisia'' così commentano scherzosamente i ricercatori della Tuscia.

cialis | Martedì 31 Gennaio 2017 - 12:05 am | | Predefinito

Ricettazione di Cialis contraffatto: fermato un 70enne

Membro di una banda composta da 13 persone, il 70enne di Travagliato avrebbe rivenduto sul territorio - forse anche nelle farmacie - centinaia di confezioni di medicine.

Stando alla ricostruzione del pubblico ministero, l’attività criminale sarebbe partita nel 2014 con i furti messi a segno in 13 farmacie ospedaliere sparse per tutta Italia, furti che hanno fruttato un bottino da circa 3 milioni di euro. Nell’organizzazione criminale il 70enne sarebbe coinvolto in quanto ricettatore dei medicinali rubati, rivenduti poi nel nostro territorio. G.F., queste le iniziali dell’uomo, è stato fermato per due volte mentre trasportava grossi quantitativi di medicinali: la prima volta nell’agosto 2014 a Tortona, e la seconda, tre mesi dopo, mentre trasportava 210 confezioni taroccate di Cialis, il “viagra giallo”. 

 
 
 

Fermato e sottoposto all’obbligo di firma, il 70enne per ora si è avvalso della facoltà di non rispondere. Nel frattempo le indagini hanno scoperto che l’attività criminale messa in campo, con vicinanze alla camorra di Secondigliano, era molto ben organizzata: tutto, dalla pianificazione dei furti alla ricettazione, dal commercio estero alla vendita al dettaglio, era studiato nei minimi particolari. 

cialis | Lunedì 07 Novembre 2016 - 11:28 pm | | Predefinito

Mancata erezione con cialis

Egregio dottore, io avrei un dubbio molto forte. Premetto che soffro di Sclerosi Multipla da circa 7 anni (io ne ho 46). All’inizio della malattia, non avevo problemi sessuali di nessun tipo. Con il passare degli anni, però, ho avuto il “classico” calo della prestazione con conseguente aggravio della patologia. Il mio neurologo allora, mi ha prescritto “Viagra” da 50 mg. Mal sopportavo tale dosaggio e principio attivo (mal di testa, vampate di calore, la sensazione di “naso chiuso”), che quindi, riducevo tagliando la pastiglia a metà, ma con gli stessi sintomi; erezione ottima ma un sacco di effetti collaterali. Allora ho cambiato principio: dal sildenafil son passato al tadalafil, con miglioramento riguardo gli effetti collaterali. Prendevo il 5 mg ( cialis one day) che però ora, ha poco effetto “erettivo”. Allora ho aumentato la grammatura, secondo consiglio medico. Son passato dal 20 mg ( con tutti gli’ effetti collaterali presenti), al 10 mg. Ora, sembra strano, ma ho un'erezione dopo l'assunzione di cialis e averci dormito sopra . Quindi non dopo un’ora circa, ma dopo una dormita di almeno 2 ore.(credo dipenda dalla pressione sanguigna) Non capisco….cosa vuol dire, che ora, per far l’amore con mia moglie, devo dormirci sopra? Devo cambiare principio? Mi dica Lei dottore perchè io sono ignorante in materia…. Cordialmente, Michele

Caro Utente,il tadalafil da 10 o 20 mg. ha un'azione farmacologica ottimale dopo qualche ora dall'assunzione,essendo una molecola long-acting,a differenza del sildenafil,vardenafil ed avanafil che si caratterizzano per un'azione veloce,idonea al "on demand".Infine,la sclerosi multipla,essendo una malattia degenerativa,dovrebbe sempre presupporre un monitoraggio periodico della salute generale e genitale.Cordialità.

cialis | Venerdì 12 Agosto 2016 - 9:54 pm | | Predefinito